Copyright LowHistamines 2015 - info@lowhistamines.com

. Powered by Blogger.

The first Doc Low Histamines wine in the U.S.A market

Italian Low Histamines DOC wines land on the U.S.A market.
I primo vino Doc italiano certificato Low Histamines sbarca negli Stati Uniti d'America
(Traduzione Italiano Inglese / Translation Italian English)


For some months now, even Americans can taste and appreciate a Low Histamines wine, now easily available in U.S. thanks to the InVino and Good Comany Wine group from California.
Currently the only selected and guaranteed wine Low Histamines on the market is a Dolcetto D'Alba DOC label "LA COLLINA DEI RE", produced by a small family-run fifth generation winery, located in the hills of the Langa territory , in the heart of the Barolo DOCG production, in the Piedmont region of Italy

Ormai da alcuni mesi anche gli americani possono degustare e apprezzare un vino Low Histamines, oggi facilmente reperibile grazie al gruppo InVino e Good Comany Wine dalla California.
Attualmente l'unico vino selezionato e garantito Low Histamines sul mercato è un Dolcetto D'Alba Doc etichetta "LA COLLINA DEI RE", prodotto da una piccola azienda vinicola di quinta generazione a conduzione famigliare, che si trova tra le colline del territorio della Langa, nel cuore della produzione del Barolo Docg, nella regione Piemonte Italia


The Langa has long been considered one of the most important areas for the production of high quality red wines in the world, this is one of the different reasons why Low Histamines decided to focus on this specific area. So as to obtain not only unique wines, with a histamine content of less than 0.5mg / liter, but also to give consumers the opportunity to taste a high quality wine, recognized by the Italian government as a DOC wine: Controlled Designation of Origin , which reflects its territory and the best Italian tradition.

La Langa è considerato da tempo uno dei territori più importanti per la produzione di vini rossi di alta qualità nel mondo, questo uno dei diversi motivi per cui la Low Histamines ha deciso di focalizzarsi su questa specifica area. In modo da ottenere non solo vini unici, con contenuto di istamine inferiore a 0,5mg/litro, ma anche dare ai consumatori la possibilità di degustare un vino di alta qualità, riconosciuto dal governo italiano come un vino DOC, di Denominazione di Origine Controllata, che rispecchia il suo territorio e la migliore tradizione italiana. 



Much of the initial research, food intolerance linked to wine; wines with histamine content below 0.5mg / l, began by focusing on the Dolcetto grapes as more suitable, if worked in the right way, following the principles of Low Histamines, to obtain a quality wine with almost 0 histamine content, such as request from Low Histamiones below 0.5mg / l (quality red wines have on average a histamine content ranging from 5 to 20 mg / l) .
In addition, Dolcetto, in this case Dolcetto D'Alba Doc, we found that reducing the histamines, with the control of molds, mainly during fermentation, we obtain a better wine also in terms of quality, as the main quality characteristics of the wine, both on the nose and on the palate, are more exalted and more limpid.

Gran parte della ricerca iniziale, intolleranza alimentare legata al vino, vini con contenuto di istamine al di sotto dello 0,5mg/l è iniziata focalizzandosi sulle uve Dolcetto in quanto più adatte, se lavorate nel giusto modo, seguendo i principi della Low Histamines, a ottenere un vino di qualità con contenuto di istamine quasi 0, come richiesto dalla Low Histamiones al di sotto dello 0,5mg/l (i vini rossi di qualità hanno in media un contenuto di istamine che varia dai 5 ai 20 mg/l).
Inoltre il Dolcetto, in questo caso il Dolcetto D'Alba Doc, abbiamo constatato che riducendo le istamine, con il controllo delle muffe, principalmente durante la fermentazione, si ottiene un vino migliore anche a livello di qualità, in quanto le principali caratteristiche qualitative del vino, sia al naso che al palato, vengono maggiormente esaltate e più limpide.



Suggestions from wine expert Sebastiano Ramello:
Dolcetto D'Alba Doc Low Histamines "La Collina Dei Re"
I suggest to oxygenate the wine well in the glass, preferably a "Balloon glass" before it is tasted.
On the nose: very intense, fine, quite complex, frank, fruity, mainly hints of cherry, light berries.
On the palate: dry, quite warm, pleasant, fruity (mainly cherry with an aftertaste of almond), persistent.
A wine that immediately invades the palate with fresh red fruits creating a kind of enveloping softness and then finish, thanks to the obvious aftertaste of almond in a persistent dry persistence.
Ideal paired with fresh or cooked seasonal vegetables, pasta dishes, pizza, chicken and veal or even as an aperitif thanks to its non-invasive acidity and light and soft tannins.

Suggerimenti dell'esperto Sebastiano Ramello:
Il Dolcetto D'Alba Doc Low Histamines "La Collina Dei Re" 
suggerisco di osssigenare bene il vino nel bicchiere, meglio se un "Balloon" prima che venga degustato.
Al naso: molto intenso, fine, abbastanza complesso, franco, fruttato, principalmente sentore ciliegia, leggeri frutti di bosco.
Al palato: secco, abbastanza caldo, piacevole, fruttato (principalmente ciliegia con retrogusto di mandorla), persistente.
Un vino che da subito invade il palato con frutti rossi freschi creando una sorta di morbidezza avvolgente per poi terminare, grazie al retrogusto evidente della mandorla in una duratura persistenza secca.
Ideale abbinato con verdure di stagione sia fresche che cotte, primi piatti a base di pasta, pizza, carne di pollo e vitello o anche degustato come aperitivo grazie alla sua acidità non invadente e tannini leggeri e morbidi.



Low Histamines wines, thanks to their uniqueness, are recommended by various doctors and nutritionists, including Dr. Eugenio Franzero, Italian surgeon and Inutritionist

I vini Low Histamines, grazie alla loro unicità, vengono consigliati da diversi medici e nutrizionisti, tra cui il Dott. Eugenio Franzero, medico chirurgo e nutrizionista italiano


and many important chefs including the Israel Master Chef Academy which has over 1200 Master Chefs all over the world. 

e da molti importanti Chef tra cui l'associazione Israel Master Chef Academy che conta oltre 1200 Master Chef in tutto il mondo.


(During the award ceremony in Israel with president and vice-president Israel Master Chef Academy- Durante premiazione a Israele, insieme al presidente e vice presidente Israel Master Chef Academy)

More details on research and Low Histamines wines can be found on the website:

Maggiori dettagli sulla ricerca e vini Low Histamines potete trovarli sul sito internet:

On Blog
sul blog:

FaceBook:

LOW HISTAMINES wines at MERANO Wine Festival from 10 to 14 November

Wines LOW HISTAMINES to MERANO WINE FESTIVAL



From November 10 to 14 you will be able to taste the first wines doc and docg selected and certified LOW HISTAMINES from Langa, Piedmont region Italy, by the winery Veglio Michelino & Figlio/ Wine Selection Sebastiano Ramello during the MERANO WINE FESTIVAL Area Gourmet Stand 9  AREA GOURMET ARENA Stand 9 Association Consortium  and Association of Producer.

We look forward to telling you our story, and researching food intolerance related to wine.
"Low Histamines" deals with the selection and certification of Igt, Doc, Docg and Bio wines with a content of less than 0.5mg / liter of histamine, which thanks to their quality and uniqueness, as has long been proven by many doctors, nutritionists and food intolerance experts, can also be suggested to wine sensitive and histamine food intolerant.

Currently the first Low Histamines guaranteed wines are:
Langhe Chardonnay Dpoc 2016
Dolcetto D'Alba doc 2015
Barbera D'Alba doc 2015
Diano D'Alba doc 2015

you will be able to recognize Low Histamines wines from the Certification Mark, Orange Capsules, Gold Medal Wine Selection Sebastiano Ramello, which guarantees the quality of wine, and a collar label with a short history of wine


Wines certified "Low Histamines" and Brazilians Master Chef

 Low Histamines wines in Brazil during the FIC Master Chef Meeting



Thanks to the gastronomic capacity to distinguish high quality Master Chef Jossie Elbaz, vice 
president of Israel Master Chef Academy, on 11, 14 September 2017 in Sao Paulo, Brazil during the Master Chef FIC Brazil meeting between selected wines, "Wine Selection Sebastiano Ramello", high quality Italian wines, there was also one of the first "Low Histamines" certified wines, Barbera D'Alba doc Low Histamines 2015 of the family-run wine producer Veglio Michelino & Figlio, located in the municipality of Diano D'Alba in the prestigious Langa wine territory in the Piedmont region of Italy.
Here is a brief article on an Italian weekly magazine, where you can see Master Chef Jossie Elbaz, Master Chef Bruno Stippe, presidentMaster Chef FIC Brazil, Master Chef Carlos Soares, Vice President of FIC Brazil, while stomping in hand before tasting a bottle of "Low Histamines" from Langa, during the award ceremony, as Italian Wine Ambassador 2017 by the Italian association "Piemonte Sweet Home", which works to create bridges between Italy and countries in the world in the food and wine industry.

LOW HISTAMINES wines are distinguished not only by their uniqueness of having less than 0.5mg / l of histamine content but also in their high quality.






Histamine, intestinal inflammatory diseases and Low Histamine certified wine use

Histamine, intestinal inflammatory diseases and Low Histamine certified wine use

Istaminosi, malattie infiammatorie intestinale ed utilizzo di vino certificato Low Histamine




Dr. Eugenio Franzero
Italian medical surgeon, expert in human nutrition, food intolerance, nutrigenomics.
Spec. Audiology. He explains the Istaminosi, inflammatory bowel disease and the use of certified wine Low Histamine

Dr. Eugenio Franzero 
Medico chirurgo, esperto in nutrizione umana, intolleranze alimentari, nutrigenomica.
Spec. Audiologia. Ci spiega l'Istaminosi, malattie infiammatorie intestinale ed utilizzo di vino certificato Low Histamine

(Dr. Eugenio Franzero during a Low Histamines wine tasting)

One of the problems in establishing the correlation between histamine and colitis is to define, as a starting point, whether the first is the cause or at least of the second or the opposite.
To date I do not think anyone can give a definite answer, but we have a basic histologic basis from which to develop our reasoning: in cases where we have a damage to the mucous membrane cells, this then in IBD (Chron and RCUE) is even more evident.
In particular, the inflammatory role associated with cellular immune response is evident.
We know that histamine is the chemical mediator of this altered immune response state, and then the doubt is what we started from: histamine is the cause or consequence of intestinal inflammatory diseases?
I prefer to leave the answer to colleagues who deal with this pathology from a clinical, histological and genetic point of view, and I want to devote myself to what competes for me: nutrition.
For those who like me have been involved in nutrition for so many years, there is no doubt about the correlation between intestinal inflammatory bowel disease and histamine, where eating disorders of this latter always have a "trigger" effect on triggering intestinal symptoms and maintaining them over time; For this reason, beyond medical and behavioral therapies, a proper dietary approach based on histamine-free protocols always produces very positive effects.
On the counter of the defendants there are always the same foods: seasoned cheese, mushrooms, chocolate, strawberries and alcohol, and among them in the first instance wine.
Wine is rightly eliminated in these diets as it is recognized as the major source of exogenous histamine and its absence always produces a rapid improvement in symptoms.
The problem for a dietician is always to find a proper balance between the patient's therapeutic needs and demands, who are less and less willing to give up their habits and why not even to the pleasures of the table.
For some years, I have successfully experimented with the use of low-histamine products, which allows me to use moderate, but constant, wine.
On the market for a long time there are wines where histamine is eliminated by chemical processes but, alas, the quality is heavily penalized.
The situation has radically changed with the introduction of Veglio Michelino & Figlio wines certified LOW HISTAMINES (Research carried out by international consulent and wine expert Sebastiano Ramello), where the product is chemically treated and results in a histamine regime of 0.3-0.4 mg  per liter versus 10 - 12 mg-liter of the average of the same wine, all obtained with absolutely natural processes.
Therefore, thanks to these LOW HISTAMINES certified products, I can say that I have reintroduced to a large proportion of patients with intestinal inflammatory diseases, a quantity of organoleptically excellent wine, about one glass a day without having observed a recrudescence of the typical symptoms of syndrome, thus increasing overall compliance with the dietary protocol to which patients are subjected.

(Wine certified Low Histamines)

Therefore, i can say that given the studies and tests carried out, Low Histamines certified wines have no contraindications except those of any other wines in the same quality, as the may reduce the problems of people suffering from histamines food intolerance.

(Sebastiano Ramello the person who started the search for food intolerance linked to wine and the brand Low Histamines)

IN TALIANO:

Uno dei problemi nello stabilire la correlazione tra istaminosi e colite è definire, come punto di partenza , se la prima è causa o quantomeno concausa della seconda o sia vero il contrario.
Ad oggi non credo nessuno possa dare una risposta certa, però abbiamo un dato istologico di base dal quale sviluppare il nostro ragionamento: in entrabi i casi abbiamo una danno alle cellule epiteliali della mucosa,  questo poi nelle IBD (Chron e RCUE ) risulta ancora più evidente.
In particolare risulta uno stato infiammatorio legato alla risposta immumitaria cellulomediata.
Sappiamo che l’istamina è il mediatore chimico di questo alterato stato di risposta immunitaria ed allora il dubbio risulta essere quello dal quale siamo partiti : l’istamina è causa o conseguenza delle malattie infiammatorie intestinali?
Preferisco lasciare la risposta ai colleghi, che si occupano di questa patologia dal punto di vista clinico, istologico e genetico e mi voglio dedicare a quello che mi compete : la nutrizione.
Per chi come me si occupa di nutrizione da tanti anni risulta indubbia la correlazione tra malattia infiammatoria intestinale ed istamina, dove eccessi alimentari di quest’ultima, hanno sempre un effetto “trigger” sullo scatenarsi della sintomatologia intestinale e sul mantenimento degli stessi nel tempo; per questo motivo al di là delle terapie mediche e comportamentali, un approccio dietologico corretto basato su protocolli con alimenti privi di istamina produce sempre effetti assai positivi.
Sul banco degli imputati ci sono sempre gli stessi alimenti : formaggi stagionati, funghi, cioccolato, fragole ed ,alcolici e tra questi in prima istanza il vino.
Il vino viene, giustamente, eliminato in queste diete in quanto riconosciuto come la maggiore fonte di istamina esogena e la sua assenza produce sempre un rapido miglioramento dei sintomi.
Il problema per un dietologo è sempre quello di trovare un corretto equilibrio tra necessità terapeutiche e richieste del paziente, che sempre meno è disposto a rinunciare alle sue abitudini e perché no anche ai piaceri della tavola.
Da alcuni anni ho sperimentato, con successo, l’utilizzo di prodotti a basso contenuto di istamina, grazie ai quali posso consentire ai mei pazienti un utilizzo moderato, ma costante di vino.
In commercio da parecchio tempo sono presenti vini dove l’istamina, viene eliminata con procedimenti chimici, ma ahimè la qualità ne risulta pesantemente penalizzata.
La situazione è radicalmente mutata, con l’introduzione dei vini dell’azienda Veglio Michelino e Figli certificati Low Histamines (Ricerca portata avanti dal consulente internazionale e esperto di vini Sebastiano Ramello), dove il prodotto è trattato non chimicamente e risulta con un regime di istamina di 0,3-0,4 mg litro contro i 10- 12 mg-litro della media di pari vitini, il tutto ottenuto con procedimenti assolutamente naturali.
Dunque, grazie a questi prodotti certificati Low Histamines, posso affermare di aver reintrodotto in una quota consistente di pazienti affetti da malattie infiammatorie intestinali, una quantità di vino, organoletticamente eccellente,  di circa un bicchiere al giorno senza aver osservato una recrudescenza dei sintomi tipici della sindrome, aumentando così la compliance generale al protocollo dietologico al quali i pazienti sono sottoposti.

Pertanto, posso affermare che dati gli studi e i test effettuati, con l'uso dei vini garantiti Low Histamines non si riscontrano controindicazioni se non quelle di qualsiasi altro vino, ma a parità di consumo contribuiscono nel diminuire i problemi di quelle persone che soffrono di istaminosi, intolleranza alimentare alle istamine

(Mr.Sebastiano Ramello, the wine maker Veglio Osvaldo and Dr. Eugenio Franzero)



Documentation issued by Dott. Eugenio Franzero on 03-10-2017 
Documentazione rilasciata dal Dott. Eugenio Franzero in data 03-10-2017 









For more information, LOW HISTAMINES facebookpage:
https://www.facebook.com/lowhistamines/

Food intolerance, histamine and wine

See what's published in the daily Italian newspaper "La Repubblica" and later on the Italian health blog "Centri di Fisioterapia" (Physiotherapy Centers) 

Riporto quanto pubblicato prima sul giornale, quotidiano, italiano "La Repubblica" e in un secondo momento sul blog italiano di salute "Centri di Fisioterapia" http://www.centridifisioterapia.it/intolleranze-alimentari-istamina-vino/


On October 23, 2015, an Italian new peppe " La Republica" publishes an article that speake about food intollerant linked to wine and about the fisrt wines in the world selected and certified "LOW HISTAMINES", and place of the meeting on October 08, 2015 at the association "La Maggiorana" from Rivoli (ITALY), to be held, as a speaker, Mr. Sebastiano Ramello 
International Wine Consultant which for over 5 years, studies the link between headache and histamine and other food related intolerances associated with it, of Osvaldo Veglio Piedmontese winemaker (winemaker consultant "LOW HISTAMINES") owner of the winery Veglio Michelino & Figlio from Diano D'Alba (Piedmont Italy), producer of first DOC and DOCG wines in the world selected and certified "LOW HISTAMINES" for its contents of less than 0.5mg / liter of istamine, and Dr. Franco Rosso of CIMPN of Alba (Center for Igens Prevention and Nutrition)

Sul quotidiano nazionale "La Repubblica" in data 23 Ottobre 2015 viene pubblicato un articolo che parla di intolleranza alimentare legata al vino e primi vini al mondo selezionati e certificati "LOW HISTAMINES" , e dell'incontro venuto in data 08 Ottobre 2015 presso l'Associazione "La Maggiorana" di Rivoli (Italia), tenuto da Sebastiano Ramello  https://www.facebook.com/WineSelectionSebastianoRamello/
consulente internazionale di vino che da oltre 5 anni studia il collegamento tra mal di testa e istamina e altre intolleranze alimentari connesse ad essa, di Osvaldo Veglio enologo piemontese (consulente "LOW HISTAMINES") proprietario della azienda vinicola Veglio Michelino & Figlio di Diano D'Alba (Piemonte Italia), produttore di primi vini DOC e DOCG al mondo selezionati e certificati "LOW HISTAMINES" per il suo contenuto di istamine inferiore a 0.5mg/litro, e del Dott. Franco Rosso  del C.I.M.P.N. di Alba ( Centro di Igene Medicina Preventiva e Nutrizionistica)

(Sebastiano Ramello)

During the meeting, Dr. Franco Rosso, thanks to the support of his team of doctors from Piedmont, Liguria and Lombardy region (ITALY), illustrated the effects of food intolerances, including histamine, and their various pathologies and disorders, specifying that at risk are mainly middle-aged women.

Durante l'incontro, il Dott. Franco Rosso, grazie al supporto del suo staff composto da medici del Piemonte, Liguria e Lombardia, ha illustrato gli effetti delle intolleranze alimentari, tra cui le istamine, e le loro varie patologie e disturbi, specificando che a rischio sono principalmente le donne di mezza età.

Dr. Rosso tells us better what are the food intolerances and the risk associated with the histamine also contained, mainly in red wine:

Il Dott. Rosso ci spiega meglio cosa cosa sono le intolleranze alimentari e il rischio legato alle istamine contenute anche, principalmente nel vino rosso:

DIFFERENCES BETWEEN ALLERGY AND INTOLLERANCES:

- There are big differences between allergy and intolerance.
Intolerance is the tendency to develop a medium, slow reaction over time to a food or some substance contained in the foods themselves.
Allergies are an immediate reaction of the organism to normally innoffensive substances represented by any food compound.
There is an automated and standardized "ALCT" cytotoxic, which is a test of food intolerances approved and recognized by the US. Food and Drug Administration (FDA) and used in the Universities' Immunobiology Departments that can be performed at any time of the day and do not need fasting.

Food intolerances linked to the main food groups:
 Wheat and related cereals
Milk, dairy and cattle derived products, sheep
Fermented and high-salt products
Nickel, hydrogenated fatty acids, vegetable and related products
Natural salicylates
Istamina -


DIFFERENZE TRA ALLERGIA E INTOLLERANZE:

- Esistono grosse differenze tra allergia e intolleranze.
Le intolleranze sono la tendenza a sviluppare una reazione media, lenta nel tempo, verso un alimento o una certa sostanza contenuta negli alimenti stessi.
Le allergie sono una reazione immediata dell'organismo verso sostanze normalmente innoffensive, rappresentate dai composti alimentari qualsiasi.
Esiste un citotossico automatizzato e standardizzato "ALCT" che è un test sulle intolleranze alimentari approvato e riconosciuto dalla U.S. Food and Drugs Administration (FDA) e utilizzato nei dipartimenti di immunoematologia di alcune Università che può essere eseguito in un qualsiasi momento della giornata e non occorre il digiuno.

Le intolleranze alimentari legate ai principali gruppi alimentari:
 Frumento e cereali correlati
Latte, prodotti lattiero caseari e di derivazione bovina, ovina
Prodotti fermentati e ad alto contenuto di sale
Nichel, grassi idrogenati, vegetali e prodotti a questi correlati
Salicilati naturali
Istamina -

SYMPTOMS ASSOCIATED WITH FOOD INTOLERANCE:

- Fatigue, water retention, halitosis, drowsiness, headaches, anxiety, mood swings, asthma, rhinitis, sinusitis, swelling, nausea, gastritis, colitis, diarrhea, constipation, aerophagia, arthritis, osteoarthritis, myalgia, cramps, localized and generalized, eczema, dermatitis, overweight, obesity .... -

SINTOMI LEGATI ALL'INTOLLERANZA ALIMENTARE:

- Stanchezza, ritenzione idrica, alitosi, sonnolenza, cefalee, ansia, alterazione dell'umore, asma, rinite, sinusite, gonfiore, nausea, gastrite, colite, diarrea, stipsi, aerofagia, artriti, artrosi, mialgie, crampi, debolezza, prurito localizzato e generalizzato, eczema, dermatiti, sovrappeso, obesità.... -

WHAT IS ISTAMINE?

- Istamine is a chemical mediator of inflammation and is produced by the decidination of histidine, the essential amino acid we only get from the diet: it shares many effects with serotonin and has a role as a neurotransmitter.
"Mono" and "diamino oxidase" have the task of destroying histamine (such enzymes may also have a role in depression)
The role of histamine is to increase the permeability of cell membranes to allow cytokines to enter the cytokines that have the task of extinguishing inflammation. Hence, high levels of histamine are present following inflammatory and traumatic responses -

CHE COSA E' L' ISTAMINA?

- L'Istamina è un mediatore chimico dell'infiammazione ed è prodotta dalla decarbossilazione dell'istidina, aminoacido essenziale che ricaviamo solo dalla dieta: condivide numerosi effetti con la serotonina e ha un ruolo come neurotrasmettitore.
Le "mono" e le "diamino ossidasi" hanno il compito di distruggere la istamina (tali enzimi possono avere anche un ruolo nella depressione)
Il compito della istamina è quello di aumentare la permeabilità delle membrane cellulari per permettere l'ingresso alle citochine che hanno invece il compito di spegnere l'infiammazione. Peranto, elevati livelli di istamina sono presenti in seguito a risposte infiammatorie e traumatiche -

FOODS CONTAINING ISTAMINE:

- There are foods with a high content of histamine, these are: mackerel fish, such as fresh tuna, mackerel and other blue fish, but also sardines, herring, anchovy; sausage, canned meat; in vegetables such as tomato, spinach, sauerkraut, aubergines, papaya, strawberries and some cheese as camembert cheese, cheddar, emmental, parmesan, are also found in ketchup, beer, red wine vinegar and WINE mainly red wine and sparkling wines.

GLI ALIMENTI CHE CONTENGONO ISTAMINA:

- Esistono cibi con un alto contenuto di istamina, questi sono: pesci sgombroidi, ad esempio il tonno fresco, sgombro e altri pesci azzurri, ma anche sardina, aringa, acciuga; salsiccia, salumi e insaccati, carne in scatola; in verdure come pomodoro, spinaci, crauti, melanzane, papaya, fragola e in alcuni formaggi tipo camembert, cheddar, emmental, parmigiano, si trovano anche nel ketchup, birra, aceto di vino rosso e VINO principalmente vino rosso e vini frizzanti -.

WINE AND ISTAMINE:

- Histamine is also present in WINES and can give intolerance, but only in predetermined subjects. Histamine is found together with tyramine, putrecina, cadaverina: all this is tied mainly to the presence of live bacteria, the accumulation of biogenic amines and pH.
WINE, especially red, may have a histamine content ranging from 4 to 20 mg / liter, while a selected and guaranteed "LOW HISTAMINES" wine has a content of less than 0.5mg / liter -
There is a relationship between histamine and food intolerances, so a small amount of wine can be consumed at reasonable doses according to nutrition, avoiding damage due to high levels of histamine. Indeed, many studies have highlighted the fact that headache and migraines are caused by the presence of histamine, whose values are known to be high within a red wine.

VINO E ISTAMINA:

- l'istamina è anche presente nei VINI e può dare intolleranza, ma solo nei soggetti predisposti. La istamina si trova insieme a tiramina, putrecina, cadaverina: tutto ciò è legato soprattutto alla presenza dei batteri vivi, all'accumulo di ammine biogene e al pH.
Il  VINO, specialmente quello rosso, può avere un contenuto di istamina che varia dai 4 ai 20 mg/litro, mentre un vino selezionato e garantito "LOW HISTAMINES" ha un contenuto inferiore a 0.5mg/litro -
Esiste una relazione tra istamina e le intolleranze alimentari, per cui un vino che ne contenga poca può essere consumato a dosi ragionevoli, secondo la medicina nutrizionistica, evitando i danni dovuti alla presenza di elevati livelli di istamina. In effetti, numerose ricerche hanno posto in evidenza il fatto che il mal di testa e le emicranie siano causate proprio dalla presenza di istamina, i cui valori sono notoriamente alti all'interno di un vino rosso -.

ISTAMINA IN ACTION:

- When used in large quantities, histamine is the cause of:
  • Vasoconstriction of large arteries, for smooth muscle building (hypertension)
  • Vasodilation of the arterioles for the opening of the precapillary sphincters: this is usually done locally, and if the vasodilatation occurs systematically, we have hypotension.
  • Increased permeability of capillaries and post-capillary venules with greater inflow of leukocytes in traumatized and infected areas.
  • Bronchocostriction with contraction of bronchial muscle cells, allergic asthma attack.

In dysliosis, an altered intestinal flora is responsible for excessive decarboxylation of all protein amino acids, ie excessive decydication of histidine and histamine.

Histamine is mainly seized by MASTOCITI that release it following stimulation.

Significant changes in the Isthmus System were observed in some neurological disorders such as ALCOLIC ALCOHOLIC ENCEPHALOPATHY, Alzheimer's disease, in toxic encephalopathies, especially those from alcohol and chronic liver disease.

In addition, the presence of histamine at the level of the neurons is mediator of the CINETOSIS, vestibular disorders involving the centers of the vomiting and the trunk of the brain -.

LA ISTAMINA IN AZIONE:

- Quando viene assunta in grandi quantità, la istamina è causa di:
  • Vasocostrizione delle grandi arterie, per aziione sulla muscolatura liscia (ipertensione)
  • Vasodilatazione delle arteriole per apertura degli sfinteri precapillari: ciò avviene di solito a livello locale, mentre se la vasodilatazione avviene a livello sistematico, abbiamo ipotensione.
  • Aumento della permeabilità dei capillari e delle venule post capillari con maggior afflusso di leucociti nella zona traumatizzata e infetta.
  • Broncocostrizione con contrazione delle cellule muscolari bronchiali, attacco di asma allergico.
Nella disbiosi, una flora intestinale alterata è responsabile di un'eccessiva decarbossilazione di tutti gli aminoacidi proteici, cioè della eccessiva decarbossilazione dell'istidina e istamina.

La istamina viene sequestrata soprattutto dai MASTOCITI che la rilasciano in seguito a stimolazioni.

Sono state riscontrate variazioni significative del Sistema Istmina in alcuni disordini neurologici, come L'ENCEFALOPATIA ALCOLICA DI WERNICKE, la malattia di Alzheimer, nelle encefalopatie tossiche, specie quelle da alcolici e da epatopatia croniche.

Inoltre, la istamina presente a livello dei neuroni è mediatrice della CINETOSI, disturbi vestibolari con interessamento dei centri del vomito e del tronco encefalico.


ISTAMINE, LOW AND HIGH LEVELS:

Low levels of histamine produce poor sexual desire, hyperactivity, anxiety, hallucinations and paranoia, bipolar disorder and manic depressive states, so Michael Lesser suggests that histamine be taken into account after the serotonin tests were unnecessary.

High levels of histamine accelerate metabolism, increase sweating, salivate and produce mucus; also may cause compulsive behaviors, hyperactivity, lowering the threshold of pain, may cause sleep disturbances and depression (Abram Hoffer) 
High levels of histamine are present in cephalic patients, so histamine-rich food (including WINE) causes headache attacks that may only be present in vulnerable subjects.

ISTAMINA, BASSI E ALTI LIVELLI:

Bassi livelli di istamina producono uno scarso desiderio sessuale, iperattività, ansia, allucinazioni e paranoie, disturbi bipolari e stati depressivi maniacali, per cui Michael Lesser suggerisce di prendere in considerazione la istamina, dopo che gli accertamenti sulla serotonina sono risultati inutili.


Elevati livelli di istamina accelerano il metabolismo, aumentano la sudorazione, la salivazione e la produzione di muco; inoltre possono causare comportamenti compulsivi, iperattività, possono abbassare la soglia del dolore, possono determinare disturbi del sonno e stati depressivi (Abram Hoffer) https://it.wikipedia.org/wiki/Abram_Hoffer
Elevati livelli di istamina sono presenti dei pazienti cefalici, per cui l'assunzione di cibi (tra cui il VINO) ricchi di istamina causano attacchi di cefalea che possono essere presenti solo nei soggetti vulnerabili -.


"LOW HISTAMINES" selects and certifies wines with less than 0.5mg / liter histamine content
Selected and certified wines "LOW HISTAMINES" are recognized by the medal, certification mark located at the bottom of the bottle below the label of the winery; from the orange capsule on which the WINE SELECTION SEBASTIANO RAMELLO medal is placed and in countries where a collar label is legally permitted, including the "LOW HISTAMINES" logo, website www.lowhistamines.com,  and some brief explanations on wine and on the content of histamine in Italian language and in the language of the country where it is distributed.

"LOW HISTAMINES" seleziona e certifica vini con contenuto di istamine inferiore a 0.5mg/litro
I vini selezionati e certificati "LOW HISTAMINES" si riconoscono dalla medaglia, brand di certificazione posto nella parte bassa della bottiglia al di sotto della etichetta della azienda produttrice; dalla capsula arancione sulla quale viene posta la medaglia WINE SELECTION SEBASTIANO RAMELLO e nei paesi dove è permesso per legge una etichetta a collarino riportante il sito internet dal logo, bollino di garanzia, LOW HISTAMINES  www.lowhistamines.com e alcune brevi spiegazione sul vino e sul contenuto di istamina in lingua italiana e nella lingua del paese dove viene distribuito.

(A sinistra Sebastiano Ramello Consulente Internazionale e esperto di vini Italiani, creatore della ricerca e brand "LOW HISTAMINES", a destra l'enologo piemontese Veglio Osvaldo consulente "LOW HISTAMINES")

For more information on wines and how to obtain the "LOW HISTAMINES" certification you can contact the email address: info@lowhistamines.com

Per maggiori informazioni sui vini, e come ottenere la certificazione "LOW HISTAMINES" potete contattare l'indirizzo email: info@lowhistamines.com

Facebook page:





PIANETA SALUTE Italian health magazine we talk about LOW HISTAMINES wines

On the Italian Health Magazine "PIANETA SALUTE" No. 197 of September 2017 on page 36-37-38 we talk about the research of food intolerance linked to wine carried by the international consultant and wine expert Sebastiano Ramello, in collaboration with the piedmontese oenologist Veglio Osvaldo

Sulla rivista Italiana di salute "PIANETA SALUTE" n° 197 del mese di Settembre 2017 a pagina 36-37-38 si parla della ricerca intolleranza alimentare legata al vino portata avanti dal consulente internazionale e esperto di vini Sebastiano Ramello, in collaborazione con l'enologo piemontese Veglio Osvaldo


The first wines in the world certified "LOW HISTAMINES"  are produced by the fifth-generation wine producer Veglio Michelino & Figlio, located in the heart of Langa, in the municipality of Diano D'Alba in the province of Cuneo in Piedmont Italy, and at the moment are 3 DOC and 1 DOCG: Langhe Chardonnay doc, Dolcetto D'Alba doc, Barbera D'Alba doc and Diano D'Alba docg.

I primi vini al mondo selezionati e garantiti "LOW HISTAMINES" sono prodotti dalla azienda vinicola di quinta generazione Veglio Michelino & Figlio, situata nel cuore della Langa, nella municipalità di Diano D'Alba, provincia di Cuneo Piemonte Italia, e al momento sono 3 DOC e 1 DOCG: Langhe Chardonnay doc, Dolcetto D'Alba doc, Barbera D?Alba doc e Diano D'Alba docg

(In the photo Mr Veglio Michelino during quality control)

To start the "LOW HISTAMINES" wine search, about 6 years ago, was the international wine Consulting and expert Sebastiano Ramello, who first analyzed wines from wineries throughout Italy, including wines from the wine producer "Veglio Michelino & Figlio", finding that some wines of the winery "Veglio Michelino & Figlio" contained a quantity of average istamine below average (average content of histamine in a quality red wine ranges from 4 to 20 mg/l). Ramello's project and "LOW HISTAMINES" were to bring the wines in a completely natural way to contain histamine content below 0.5mg / liter. What has been achieved in years of research and experiment thanks to the collaboration with the oenologist Veglio Osvaldo.
The research "LOW HISTAMINES" has also been supported by some doctors, nutritionists and neurologists at SAPIENZA University from Rome and by Dr. Eugenio Franzero, a nutritionist working in Turin and Milan, whose recent statements are: - Histamine is a normal constituent of our body but in some patients predisposed high levels of histamine can lead to a whole series of symptoms and pathologies.
First of all, there are two different forms of histamine (istamine intolerance): an acquired histamine that is linked to the conjunctiva or an excessive introduction of histamine and then a geneticist hemisegyin (histamines intolerance) that is rarer. Both forms are extremely sensitive to histamine levels or the inability of the body to destroy histamine.
Above all, red wine is one of the major causes of histamine intake, along with seasoned cheeses, chocolate, etc.
The symptom of an excess of histamine may appear as migraine, headache, colitis syndromes, dermatitis, poor digestion in general.
Nowadays we can know how much istamine in the body but not the degree of patient intolerance, this is discovered by talking to the patient himself that with his symptoms and also making an ethological study can lead us to a diagnosis-.

A dare inizio alla ricerca vini "LOW HISTAMINES", circa 6 anni fa, è stato il consulente internazionale e esperto di vini Sebastiano Ramello, che all'inizio ha analizzato vini di aziende vinicole su tutto il territorio italiano, tra cui i vini dell'azienda vinicola Veglio Michelino & Figlio, scoprendo che alcuni vini della stessa azienda vinicola contenevano un quantitativo di istamine al disotto alla media (media contenuto di istamine in un vino rosso di qualità varia dai 4 ai 20 mg/l). Progetto di Ramello e della "LOW HISTAMINES" era quello di portare i vini ad avere, in modo completamente naturale, un contenuto di istamine al di sotto dello 0,5mg/litro. Cosa che si è riuscita ad ottenere in anni di ricerca e esperimenti grazie alla collaborazione con l'enologo Veglio Osvaldo.
La ricerca "LOW HISTAMINES" è stata anche supportata da alcuni medici, nutrizionisti e neurologi della università SAPIENZA di Roma e dal dottore Eugenio Franzero, nutrizionista che opera su Torino e Milano, del quale riportiamo alcune sue dichiarazioni fatte di recente: - L'istamina è un normale costituente del nostro corpo ma in alcuni pazienti predisposti i livelli di istamina elevati possono condurre a tutta una serie di sintomi e patologie.
Bisogna dire una cosa innanzitutto, esistono due forme diverse di istaminosi (intolleranza alle istamine): un istaminosi acquisita che legata all'accumulo o ad una introduzione eccessiva di istamina e poi un'istaminosi (intolleranza) su base genetica che è più rara. Entrambe le forme sono estremamente sensibili ai livelli di istamina o all'incapacità del corpo di distruggere l'istamina. 
Il vino sopratutto quello rosso è una delle maggiori cause di apporto di istamina, insieme ai formaggi stagionati, il cioccolato ecc..
La sintomatologia di un eccesso di istamina può comparire come emicrania, cefalea, sindromi colitiche, dermatiti, mal digestione in generale.
Ad oggi possiamo sapere quanta istamina c'è nel corpo ma non il grado di intolleranza del paziente, questo si scopre chiacchierando con il paziente stesso che con i suoi sintomi e facendone anche uno studio di etologico può portarci a una diagnosi-.


September 2016, Sebastiano Ramello, thanks to his international commitment to the selection of high quality Italian wines, and for the research conducted here above, has been awarded the honor, gold medalist, as the best Italian wine selector in the world by "Israel Master Chef Academy" and "LOW HISTAMINES" certified wines were chosen by the Israel Master Chef Academy as a quality wine, representing the same academy in the world.
In the photograph, Master Chef Jossie Elbaz, vice president of the Israel Master Chef Academy, shows one of the bottles certified "LOW HISTAMINES"

Settembre 2016, Sebastiano Ramello, grazie al suo impegno internazionale, nella selezione di vini italiani di alta qualità, e per la ricerca condotta, qui sopra indicata, è stato premiato della onorificenza, medaglia d'oro, come miglior selezionatore vini italiani al mondo dalla "Israel Master Chef Academy" e i vini certificati "LOW HISTAMINES" sono stati scelti dalla Israel Master Chef Academy, come vino di qualità, che rappresenta la stessa Accademia del mondo.
Nella fotografia Master Chef Jossie Elbaz, vice presidente della Israel Master Chef Academy mostra una delle bottiglie certificate "LOW HISTAMINES"

(first page of the health magazine PIANETA SALUTE)

The "LOW HISTAMINES" wines are recognized by the "LOW HISTAMINES" medal at the bottom of the bottle, orange cap with Wine Selection Sebastiano Ramello medal as a quality label and a collar label that explains the "Low Histamines"

I vini "LOW HISTAMINES" si riconoscono dalla medaglia di riconoscimento "LOW HISTAMINES" posta nella parte bassa della bottiglia, capsula arancione con medaglia Wine Selection Sebastiano Ramello come riconoscimento di qualità e una etichetta a collarino che spiega i vini "Low Histamines"

For more information:

In Israel we talk about LOW HISTAMINES certified wines

On an Israeli magazine of wine and food, the journalist and expert of wines Israel Parker, tells the story of innovative research, wine-related intolerance conducted by the International Wine Consulting and expert on Italian wines Sebastiano Ramello, and the certification brand " LOW HISTAMINES "born from it.

Sulla rivista di cibo e vino israeliana, il giornalista e esperto di vini Israel Parker, racconta la storia della ricerca, intolleranza alimentare legata al vino, condotta dal Consulente Internazionale di  Vini e esperto di vini Italiani Sebastiano Ramello, e il marchio di certificazione "LOW HISTAMINES" nato da essa

Below you link that leads to the original article page

Qui sotto il link che porta alla pagina dell'articolo originale

"LOW HISTAMINES" certified wines with histamines content below 0.5mg/liters, wines which, thanks to their quality and uniqueness, as indicated by various doctors, nutritionists and neurologists, may also be suggested for wine sensitive and istamines food intolerant 

"LOW HISTAMINES" garantisce vini con contenuto di istamine inferiore a 0,5mg/litro, vini che grazie alla loro qualità e unicità, come già indicato da diversi medici, nutrizionisti e neurologi, possono anche essere consigliati a sensibili ai vini e intolleranti alimentari alle istamine

LOW HISTAMINES - www.lowhistamines.com - info@lowhistamines.com